Vai ai contenuti

Comune di Ploaghe

Foto di Ploaghe Foto di Ploaghe
Costume tradizionale Chiesa San Pietro
Candelieri di PloagheCandelieri di Ploaghe
 
Sei qui: HOME » Articoli » Progetto cinematografico e ambientale "L'Uomo delle Querce"

Progetto cinematografico e ambientale "L'Uomo delle Querce"

21 novembre 2017

In occasione della Giornata degli Alberi del 21 Novembre segnaliamo il video teaser con le immagini delle riprese effettuate in questi mesi in luoghi sconosciuti e suggestivi - fra cui ci saranno anche alcune location ploaghesi - del nuovo progetto cinematografico e sociale prodotto dall'Associazione Culturale Mater-ia e ideato e diretto dal regista Salvatore Manca, presentato in anteprima ieri durante la conferenza stampa a Palazzo di Provincia a Sassari per sensibilizzare, in particolar modo le nuove generazioni, sul tema del rispetto del patrimonio naturalistico.
"L'Uomo delle Querce" è un piccolo gesto d'amore cinematografico e ambientale patrocinato dal Comune di Ploaghe - Comune de Piaghe​ insieme ai Comuni di Sassari, Tempio, Luras, Ossi, Scano di Montiferro e dalla Provincia di Sassari, che può contare sul sostegno del Sandalia Sustainability Film Festival e delle associazioni Wwf Italia, Lips Cult Lega Italiana Poetry Slam, Molineddu, Moviment'Arti e Anima Libera.

https://youtu.be/uXe7ZnmuYwQ

Jean ha un legame cosmico e viscerale con la natura, il richiamo ad essa come fonte della vita, una forza misteriosa.

Il suo è un gesto d'amore verso la natura; lo stesso uomo che egoisticamente ha sfruttato la terra, violentata e inaridita, senza prendersene più cura; ora gli dedica un intera esistenza con umiltà.

La modernità spegne l'amore per la vita, la sostituisce,ora merce da scambio.

La condizione dell'uomo è senza speranza. più o meno nello stato fisico e morale degli uomini delle caverne

Non hanno altro da fare che attendere la morte.

ad indicargli la fertilità del suolo è la terra stessa, musa ispiratrice.

Jean piantava semi di Quercia, ghiande. alberi; dove prima non c’era nulla, solo per amore.

 

Salvatore MancaTorno a Sassari dopo tanto tempo, sono qui grazie alle tante persone, esseri umani che oggi mi circondano e hanno contribuito a che questo potesse accadere. Questo lavoro parla di sentimenti, parla di amore, parla di gesti. È una piccola trasposizione del racconto di Jean Giorno, in cui si descrive un essere umano che dopo aver perso moglie e figlio in tenera età si isola dalla vita contemporanea e vive l'intera sua esistenza piantando semi di quercia. Il seme di quercia è nucleo attorno al quale c'è tutta l'energia della nostra esistenza. Ci credo sin da quando ho iniziato la mia attività, e con la maturità sono arrivato a questo progetto

A breve lo start di una apposita campagna crowfounding per sostenere il progetto dal basso.

“L'Uomo delle Querce”, suggestivo e forse unico progetto cinematografico e ambientale liberamente ispirato al famoso racconto di Jean GiornoL'uomo che piantava gli alberi”, è stato presentato ufficialmente a pubblico e stampa in un incontro organizzato negli spazi della sala Angioy a palazzo di Provincia (Sassari).

Ideato e diretto dal regista Salvatore Manca - produzione Associazione culturale mater-ia -, L'Uomo delle Querce è patrocinato dai Comuni di Sassari, Ploaghe, Tempio, Luras, Ossi, ScanodiMontiferro e dalla ProvinciadiSassari. Al progetto hanno aderito le associazioni WwfItalia, Lips Cult Lega Italiana Poetry Slam, Molineddu e Moviment'Arti. Il progetto ha il sostegno del SandaliaSustainabilityFilmFestival. Le riprese si sono svolte e si svolgeranno nel territorio del Comune di Ossi fra novembre 2017 e febbraio 2018.

Un'idea semplice e complessa, che nel suo raccontarsi e svilupparsi affida alle immagini, alla video arte, a varie forme di comunicazione e all'efficacia del linguaggio cinematografico il compito di innescare dinamiche di piena e consapevole coscienza ecologica e ambientale, puntando a sensibilizzare le giovani generazioni ad un consapevole, pieno e necessario rispetto ambientale. Un messaggio che può e deve arrivare a chiunque. L'utilizzo della video arte è funzionale al dare nuove chiavi d'accesso a patrimoni linguistici e letterari sardi, mediterranei, europei e mondiali, altrimenti relegati alla sola accademica orfani di una presa contemporanea.

Al tavolo sono intervenuti il regista, sceneggiatore e produttore dell’opera SalvatoreManca, la produttrice e coreografa DanielaTamponi, GiovanniSalis nel ruolo di co-produttore, attore e delegato alla Cultura del Comune di Ploaghe, BrunoPetretto (attore) e MatildaDeidda (attrice). Moderazione dell'incontro affidata al critico e agente letterario AlessandroMarongiu. Nel corso dell'incontro è stato proiettato un teaser appositamente realizzato da Salvatore Manca, la cui voce narrante è di MatteoGazzolo

 
Torna su